Archivi categoria: Barcelona

BARCELLONA: Montjuic!

In cima a questa collina chiamata Montjuic,  si trovano alcuni importanti punti tursitici. Il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna (MNAC), la Fondazione Mirò, il giardino botanico, la Plaça d’Espanya, l’Arena e la Fontana Magica!

MNAC
MNAC
Arena
Arena

Montjuic-Museu e Font Magica (8)

Prima di arrivare lassù, vediamo già la Fontana Magica e varie altre fontane su entrambi i lati di questa imponente salita pedonale. Lo spettacolo di luci, musica e acqua si tiene soltanto venerdì e sabato 19:00-21:00 ed è semplicemente imperdibile!

Pocchi minuti prima di iniziare lo spetacolo conviene già prendere un posticino comodo, perchè per la prossima ora si rimane extasiati dalla imponenza delle acque, la musica classica al massimo volume e lo show di luci e laser!! Sicuramente è un posto da tornare!

Fontana Magica!
Fontana Magica!
Che spetacolo!
Che spetacolo!

Montjuic-Museu e Font Magica (59)

Vista do Castello di Montjuic!!

Castell de Montjuic (3) Castell de Montjuic (20)

Annunci

BARCELLONA: Mercat de la boqueria!!

Ecco un argomento “sfizioso”!

Vicino alla Rambla dei Fiori si trova questo Maxi Mercato che è ​​il più grande mercato coperto in Spagna e uno dei più grandi dell’ Europa!

Il mercato della Boqueria!

Mercado de la Boqueria (40)

Entrando, ci imbattiamo in pezzi di prosciutto crudo appesi agli spalti, salame e altri insaccati fatti in tutti i modi, con pepe rosa, stagionati…

A proposito, lo sapevate che il migliore e più costoso prosciutto in Spagna si chiama Patanegra? Questo perché i maiali hanno le gambe nere, e mangiano soltanto le pigne cadute sul terreno! 😉

Stands strapuliti e ordinati, ognuno esalando un profumo diverso, in base al prodotto in vendita: spezie e condimenti vari, pani in mille modi e misure, carni, frutti di mare, funghi, frutti exotici, cioccolatini, caramelle, dolci… Uau! Bellissimo e coloratissimo!

Mercado de la Boqueria (25) Mercado de la Boqueria (38) Mercado de la Boqueria (15) Mercado de la Boqueria (14)

Alcuni stands sono veri e propri ristoranti e luoghi per degustazioni e aperitivi ma anche per grandi mangiate!

Meravilgioso tartar di tonno e avocado!
Meravilgioso tartar di tonno e avocado!
Mix Mare!
Mix Mare!

LA SPIAGGIA DI BARCELLONA!
Un altro bel posticino a Barcellona, è il quartiere conosciuto come Barceloneta, o il porto. Attraversando un ponte di legno, siamo arrivati in questa zona che è un mix di opzioni: l’acquario (di cui ho parlato nel post precedente), un centro commerciale, ristoranti e stuzzichini (tapas), oltre ad un lungo mare ideale per una passeggiata romantica, un cinema Multisala  il Museo del Maree storia della Catalunya. E questo è il scenario scelto per un pranzeto in famiglia!

Almoço em boa companhia!
Qui si vedono le lunghe e grandi vetrate del ristorante, che ci permettevano di avere il mare come sfondo!
Maremagnum!
Maremagnum!

Tapa Tapa Maremagnum (10)

Il Port Veil
Por-do-sol lindo e apaixonante!
Un tramonto più che romantico!

Spero di essere riuscita a condividere le mie impressioni su questa bellissima città, dove i colori del cielo cambiano ad ogni momento e ci stupiscono sempre!

Barceloneta e Port Vell (16)

BARCELLONA!!

Poi, intorno al 1900, altre opere sono state costruite a Barcellona, sotto la supervisione di Gaudí: Palau Güell (biglietto € 10,00) e il Parco Güell. Eusebi Güell, ricco borghese, chiese a Gaudì di ristrutturare la sua casa nel centro della città. Archi parabolici, facciata gotica, legno intagliato e ferro battuto (che all’epoca era una novità) erano alcuni dei suoi marchi registrati in questa casa.

Sofitto particolarermente lavorato in un mix di legno e ferro!
Insieme di colonne all’interno della casa e grandi vetrate che raccolgono i raggi di sole!
Detagli di Casa Batlò
Detagli di Casa Batlò

????????????????????????

Mosaici e vetrate
Mosaici e vetrate
colonne...
colonne…

????????????????????????

Tanti comignoli simpatici!

????????????????????????

detagli delle "tegole"
detagli delle “tegole”

Quasi tutte le stanze hanno il caminetto e i suoi comignoli spuntano ognuno in un bellissimo design pieno di colori e modernità. Molto estrosi per quel periodo serioso!

L’armonia e l’affiattamento che esisteva tra il signor Güell e Antoni Gaudi era più che suficiente per realizzare le loro opere:  gli investimenti finanziari del primo e l’esecuzione dei lavori da parte del secondo!

Dopo alcuni anni abitando in questa bellìssima casa con più di 5 camere da letto, sala per le funzioni religiose e concerti, stalle per i cavalli, terrazza, lavanderia ecc, la moglie di Guell decise che non le piaceva più vivere lì e ha chiesto loro di costruirne un’altro! Facile no?!

Sulla base della richiesta della moglie, e il desiderio di costruire un’opera speciale, si sono riuniti di nuovo per creare il Parco Güell. Il progetto iniziale comprendeva una città giardino costruita in un parco verde con 60 case e una piccola cappella. Quando l’architetto è morto, fermarono le costruzioni, rimanendo con solo 2 case, un enorme terrazzo sostenuto da colonne e piastrelle rivestite immerse nel verde!

???????????????????????? Park Guell (11)

Nel 1922, il parco è stato acquistato dall comune di Barcellona, restando aperto tutto l’anno per i turisti, con ingresso gratuito.

Ha una bellissima vista sul mare della città! Oh, talmente è bello che l’hanno trasformato il patrimonio UNESCO! C’è la casa dove Gaudì visse per alcuni anni prima di trasferirsi in Francia.

ACQUARIO DI BARCELONETA: Un’altra attrazione carina è il bellissimo acquario, che si trova nella Barceloneta che è la spiaggia di Barcellona. Per conoscere l’acquario si acquista un biglietto (€ 14,40) che a mio parere, è un tantino caro, inquanto piccolo e con poche attrazioni. Comunque ci sono i pinguini, gli squali, le meduse, diversi tipologie di pesci e molluschi!
Il punto di forza è il tunnel trasparente!

Acquarium
Acquarium

Aquario (6) Aquario (10) Aquario (27)

Oh, e mi è piaciuto moltissimo quello che ho definito il “mezzo-pesce”, perchè sembra che ci sia solo la testa senza corpo! hahaha

Strano!!!

BARCELLONA: Un Viaggio culturale!

Ciao gente! Già immaginavo che Barcellona era ricca di cultura, ma non potevo immaginare che in questa città  si respira arte e si vive l’arte in ogni angolo della città!

Esculture per strada...
Esculture per strada…

Barcelona- 262 Barcelona- 450

Qaurtiere Gotico
Quartiere Gotico

Abbiamo trascorso 4 giorni a Barcellona, due di loro con una leggere pioggerelina. in questi giorni piovosi abbiamo colto l’occasione per visitare musei e luoghi coperti, e abbimo lasciato il turismo all’aria aperta per gli ultimi due giorni soleggiati.

Dato che sono la regina dei dettagli, ho preferito dividere le informazioni e consigli riguardanti a Barcellona in più post, in modo da non farvi rinunciare la lettura! Hahahaha

Abbiamo volato con Ryanair (compagnia low-cost), portando soltanto 2 bagagli a mano, e una valigia di 15 kg da spedire (da acquistare separatamente al biglietto: € 30,00). L’unica particolare attenzione che bisogna fare è che quando dicono 1 volume come bagaglio a mano, lo fanno sul serio.  Vuol dire che se portiamo un trolley, la borsetta a mano (o il PC, ombrello,  macchina fotografica…) va messa anch’essa dentro del trolley! E in più ci fanno misurare  ogni volume che portiamo in una “fearbox”, (proprio così, una scatolla del sospesne, visto che speriamo sempre che ci stia dentro senza sporgere nessun lato) per controllare che le misure non eccedono quelle precedentemente descritte sul sito di ogni compagnia! I§n questo caso: 50x40x25.

Quando siamo arrivati al’aeroporto​​, abbiamo preso il treno + la metropolitana + taxi per raggiungere l’hotel . Sarebbe stato meglio se avessimo preso direttamente un taxi, perche la corsa aeroporto-centro città costava non piu di €25,00 e saremo arrivati meno stanchi! hhehehe!

A Barcellona si può girare benissimo a piedi tra quesi tutti i quertieri, a parte quelli più lontani dal centro. i taxi costano pochissimo e il trasporto publico è molto ben organizzato.
A Barcellona si può girare benissimo a piedi tra quesi tutti i quartieri, a parte quelli più lontani dal centro, come il Montjuic. I taxi costano pochissimo e il trasporto publico è molto ben organizzato.

Bene , partenza e via!!

Alla fine del 1800 , Gaudí spiccava tra gli artisti con la sua architettura modernista e la sua veduta all’avanguardia! In concomitanza con il periodo del Rinascimento e l’ascesa economica , alcuni politici e borghesi ricchi ed influenti chiamavano degli artisti per ristrutturare le loro case , o anche che contruirne altre . Le case  “toccate” da Gaudi , sono facilmente riconosciute dalle pareti arrotondate , le curve , i colori vivaci e linee non convenzionali. Alcune delle proprietà fatte da Gaudì sono aperte al pubblico e si possono visitare sia la casa che gli scantinati e le terrazze. I biglietti possono costare € 13,00 , € 18,00 oppure si possono acquistare la Barcellona card ed avere prezzi migliori) .

Casa Batllò : ispirata alla natura , al movimento delle onde del mare e ai pesce , questa casa è stata senza dubbio uno shock per la società di quel tempo! Immaginate una casa piena di finestre arrotondate , scale strane , vetrate e mosaici colorati , colonne all’interno della casa… insomma, doveva essere impensabile, una trasgressione! Tant’è che quando Gaudì ha ricevuto il suo diploma di architetto , il rettore ha detto, ” Antoni Gaudi , un pazzo o un genio? Solo il tempo dirà ”

 Sul mio facebbok (nataliestupp) troverete diverse altre fotografie di questo stupendo artista e le sue opere! 

PS: mi sa che ho fatto consfusione con le foto di Casa Batlò e Palau Güell, perche allla fine lo stile è lo stesso e entrambe le case si assomigliano troppo! Altre foto nel post seguente! Che confusione! hehehe

Hospital de la Santa Creu
Hospital de la Santa Creu
Il Gatto di BOTERO
Il Gatto di BOTERO
LA RAMBLA DE LAS FLORES
LA RAMBLA DE LAS FLORES

La Rambla (2) La Rambla (3) La Rambla (4) ???????????????????????? Plaça Nova e Catedral (1)

Casa Milà o La Pedrera: è ​​stato l’ultimo edificio costruito da Gaudì per la famiglia Milà. Conosciuta come La Pedrera, è fatta di pietre, muri arrotondati, e balconi ondulati. Ai tempi era prevista l’nserzione di una statua della Madonnina supra la casa, ma per evitare conflitti con la Chiesa, lui ha preferito lasciarla fuori dal progetto!

Sagrada Familia: quando Gaudì viene chiamato ad assistere e  seguire questo progetto,  i lavori si  basavano soltanto su i sui modelli e schizzi perche lui non ha presentato alcun cartina, mappa, piantina, metrature, niente! Ce l’aveva tutto in testa sua! Forse questo è il motivo per cui la chiesa è ancora incompiuta, perchè dopo la sua morte (fu investito da un tram!), pochissimingegnieri e architteti sono riusciti a capire la logica delle sue strutture!

Sagrada Familia (17) ???????????????????????? ????????????????????????

Gaudì cervcava sempre di sfruttare la luce naturale con congegni come: Archi, grandi finestre, vetrate, specchi, colori.

Nel prossimo post vi racconterò un pò delle opere della famiglia Guell!